Category: wein

Dal Tempranillo “toscano” al Chian…

Dal Tempranillo “toscano” al Chianti della tradizione – Agricola Pietro Beconcini ➡️ @pietrobeconciniwines ⬅️🇮🇹🍷🍇 Siamo in Toscana, più precisamente a San Miniato (PI), dove Leonardo Beconcini ed Eva Bellagamba gestiscono dal 1990 l’azienda che è di proprietà della famiglia Beconcini da quattro generazioni. Lui vignaiolo, lei marketing director, insieme condividono la stessa passione per la terra e per il Vino di qualità. La storia dell’azienda si intreccia da sempre con quella della famiglia.

I Beconcini lavoravano in queste terre già prima della seconda guerra Mondiale come mezzadri, alle dipendenze dei marchesi Ridolfi, proprietari di tutta l’area est di San Miniato. Nel 1954, Giuseppe Beconcini, nonno di Leonardo, con sacrificio, riesce ad acquistare il podere in cui lavorava da sempre. Successivamente Pietro Beconcini dà una svolta all’azienda incentrando la sua attività sulla viticoltura, in una terra sicuramente vocata, seppur non tra le più “blasonate” enoicamente parlando. E’ da 25 anni, però, che le redini dell’azienda sono nella mani di Leonardo, che continua il lavoro del padre nel rispetto dei suoi insegnamenti, mettendoci anche del suo a partire dai nuovi vigneti e dagli ampliamenti dell’azienda che da 3 ettari passa a 12 ettari vitati. Leonardo con grande entusiasmo intraprende un’accurata selezione nei suoi vigneti, al fine di produrre vini d’eccellenza capaci di esprimere il suo unico terroir e la propria storia familiare di cui è intrisa la terra nella quale affondano le radici le sue preziose viti. Comincia a fare studi agronomici sui cloni di sangiovese per la produzione del “Reciso”, il vino più rappresentativo dell’azienda, quando si imbatte in una scoperta molto interessante, che cambierà non solo la produzione della sua azienda, ma anche il panorama enologico italiano. Durante le sue ricerche, tra le varie piante di sangiovese, canaiolo ed altre tipiche della zona, risultano 213… Continua a leggere su www.wineblogroll.com ➡️link in bio ⬆️⬆️⬆️ #wein #vin #vinho (presso Pietro Beconcini Agricola)

Dal Tempranillo “toscano” al Chian…

Dal Tempranillo “toscano” al Chianti della tradizione – Agricola Pietro Beconcini ➡️ @pietrobeconciniwines ⬅️🇮🇹🍷🍇 Siamo in Toscana, più precisamente a San Miniato (PI), dove Leonardo Beconcini ed Eva Bellagamba gestiscono dal 1990 l’azienda che è di proprietà della famiglia Beconcini da quattro generazioni. Lui vignaiolo, lei marketing director, insieme condividono la stessa passione per la terra e per il Vino di qualità. La storia dell’azienda si intreccia da sempre con quella della famiglia.

I Beconcini lavoravano in queste terre già prima della seconda guerra Mondiale come mezzadri, alle dipendenze dei marchesi Ridolfi, proprietari di tutta l’area est di San Miniato. Nel 1954, Giuseppe Beconcini, nonno di Leonardo, con sacrificio, riesce ad acquistare il podere in cui lavorava da sempre. Successivamente Pietro Beconcini dà una svolta all’azienda incentrando la sua attività sulla viticoltura, in una terra sicuramente vocata, seppur non tra le più “blasonate” enoicamente parlando. E’ da 25 anni, però, che le redini dell’azienda sono nella mani di Leonardo, che continua il lavoro del padre nel rispetto dei suoi insegnamenti, mettendoci anche del suo a partire dai nuovi vigneti e dagli ampliamenti dell’azienda che da 3 ettari passa a 12 ettari vitati. Leonardo con grande entusiasmo intraprende un’accurata selezione nei suoi vigneti, al fine di produrre vini d’eccellenza capaci di esprimere il suo unico terroir e la propria storia familiare di cui è intrisa la terra nella quale affondano le radici le sue preziose viti. Comincia a fare studi agronomici sui cloni di sangiovese per la produzione del “Reciso”, il vino più rappresentativo dell’azienda, quando si imbatte in una scoperta molto interessante, che cambierà non solo la produzione della sua azienda, ma anche il panorama enologico italiano. Durante le sue ricerche, tra le varie piante di sangiovese, canaiolo ed altre tipiche della zona, risultano 213… Continua a leggere su www.wineblogroll.com ➡️link in bio ⬆️⬆️⬆️ #wein #vin #vinho (presso Pietro Beconcini Agricola)

Finally back in the vineyards! After more than…

Finally back in the vineyards! After more than 2 months far from the vineyards it’s been like 2 months without oxygen for my soul! 🍇🍷 #wine #vino#wineissharing #vin #wein #pomaio #globetrotter #passionpassport #beautifulmatters #italy #firstpost #blog #tuscany #cork #corks #avatar #amorim @amorimcork #j #trip #travel #viaggio #nature #Green (presso Podere di Pomaio Green Winery)

Finally back in the vineyards! After more than…

Finally back in the vineyards! After more than 2 months far from the vineyards it’s been like 2 months without oxygen for my soul! 🍇🍷 #wine #vino#wineissharing #vin #wein #pomaio #globetrotter #passionpassport #beautifulmatters #italy #firstpost #blog #tuscany #cork #corks #avatar #amorim @amorimcork #j #trip #travel #viaggio #nature #Green (presso Podere di Pomaio Green Winery)

Vintage 244-year-old vin jaune wine bottle sel…

Vintage 244-year-old vin jaune wine bottle sells in France for record €103,700 | DW | 27.05.2018:

…a bit expensive.

Don’t Miss the Miniature Wine Windows of Flore…

Don’t Miss the Miniature Wine Windows of Florence:

Miniature Wine Windows of Florence.

@castellomonsanto – Sapete cos’è un mito? Il …

@castellomonsanto –
Sapete cos’è un mito? Il “mito” è prodotto dall’innata tendenza dell’uomo a raccontare e propone in ogni cultura una serie multiforme di figure simboliche e di modelli di comportamento.

Il mito nasce per affascinare, ma al tempo stesso per insegnare e le storie del mito devono essere avventurose e piene di colpi di scena, ma anche semplici e chiare, così come lo sono i personaggi che simboleggiano i caratteri fondamentali dell’uomo. Spesso queste storie sono costruite su opposizioni: bello e brutto, buono e cattivo, maschile e femminile. L’uomo e la natura ne sono i protagonisti: dalla nascita del mondo ai viaggi degli eroi, il mito cerca di rispondere alle domande fondamentali degli uomini e al loro desiderio di conoscere.

Questo è, più o meno, quello che troverete cercando il termine “mito” all’interno dell’Enciclopedia Treccani e molti di voi, leggendo queste parole, correranno con il pensiero verso i miti Greci e Romani, ricorderanno gli studi di epica o magari penseranno a qualche personaggio famoso dello sport o dello spettacolo considerato un “idolo” per le sue più “popolari” gesta. Ma questo è un Wine Blog, quindi il “mito” di cui vi parlerò oggi fa della vigna il proprio contesto d’azione e dell’annuale percorso verso la vendemmia la propria sfida, più o meno eroica in base a ciò che Madre Natura deciderà.
⬆️Link in bio⬆️ per leggere tutto l’articolo sulla #cantina del #CastelloDiMonsanto – #ChiantiClassico #Toscana #italia #wine #vino #wineissharing #wineblog #picoftheday #passionpassport #firstpost #blog #influencer #tuscany #globetrotter #vin #wein #vinho (presso Castello Di Monsanto)

In una terra tanto cara agli amanti del vino e…

In una terra tanto cara agli amanti del vino ed ancor di più a me, che qui, ho iniziato a capire qualcosa di emozioni liquide, sfaccettature territoriali, espressioni varietali ed interpretazioni personali, esiste una realtà dal nome evocativo: #Pietroso

Un nome che trae origine dalla “Contrada El Petroso”, luogo descritto come già vocato alla viticoltura in documenti del lontano 1363, che è palese volesse testimoniare la composizione di quei terreni, così rocciosi… così pietrosi, in cui la vite potesse dimostrare la sua proverbiale attitudine nel dare il meglio si sè in condizioni difficili.

L’Azienda Pietroso, così come la conosciamo ora, nasce negli anni ‘70, grazie alla grande passione per la terra ed il vino del viticoltore Berni Domenico “DELFO”. La mission, sin dal principio fu chiara: produrre vini di pregio in quantità limitata, senza snaturare l’identità territoriale di un luogo dal così forte carisma.

Oggi, a condurre l’azienda sono, il nipote di Delfo, Gianni Pignattai e suo figlio Andrea, enotecnico, che seguono tutte le fasi della filiera produttiva, affiancati dall’enologo Alessandro Dondi per quanto riguardi la parte enologica. La moglie di Gianni, Cecilia, si occupa della parte commerciale ed amministrativa e la figlia Gloria guida le visite aziendali. Una vera e propria realtà a conduzione familiare, come ce ne sono altre a Montalcino, ma con un affiatamento ed un’unità d’intenti rari.

Pietroso è una piccola azienda, che dispone di circa 5.5 ha di vigneti di proprietà coltivati esclusivamente a sangiovese, che si trovano in quattro zone distinte e tra le più vocate del territorio di Montalcino ad altitudini dai 400mt slm ai 500mt slm ed oltre, con un ventaglio di esposizioni che permette di portare in cantina uve capaci di completarsi vicendevolmente al fine di trovare equilibri fondamentali per ottenere un grande vino.
Per leggere tutto l’articolo clicca il link in bio ⬆️⬆️⬆️ #wine #vino #wineissharing #wineblog #wineblogroll #wineblogger #winelife #instawine #globetrotter #passionpassport #firstpost #blog #influencer #tuscany #toscana #montalcino #cantine #winery #vineyards #vinho #vin #wein (presso Pietroso)

Can music make wine taste better? – Decanter

Can music make wine taste better? – Decanter:

Can music make wine taste better?

Depend upon what music, maybe…

Wine and movie: “The Secret of Santa VIttoria”…

Wine and movie: “The Secret of Santa VIttoria” (USA, 1969).
During WWII in Italy, a wine producing village hide a million bottles from the Germans